Pagamento dell’assicurazione e la riforma Monti sul pagamento in contanti

Pagamenti in contanti e la riforma Monti

Nei mesi scorsi è stata approvata un’importante legge che ha limitato ed abbassato la tracciabilità delle operazioni in contanti fino a 1000 euro contro la vecchia cifra di 2500, e ciò a causato non poche perplessità sia ad anziani, per quel che riguarda la riscossione della pensione, sia ai proprietari di auto, per il pagamento dei premi dell’rca, che in Italia, come sappiamo, spesso e volentieri superano la soglia di mille euro e pertanto rientrano nel caso della normativa, da poco ufficialmente in vigore.

A chiarire la situazione ci ha pensato l’A.N.I.A, che ha fornito tutte le precisazioni a riguardo, che comunque non si discostano molto dalle disposizioni varate dal governo.

Per quanto riguarda le polizze vita, non è possibile incassare premi o rate di premi in contanti, come già previsto dalla normativa. Per quanto riguarda le polizze danni, vi è un limite d’incasso in contanti di 750 euro annui per ciascun contratto mentre per l’rc auto, il limite dei mille euro è riferito al singolo rapporto assicurativo. Supponendo che si debbano pagare due o più polizze per un importo totale di 1200€, sarà possibile effettuare il pagamento totale in contati, purchè per ognuno di tali contratti il premio in pagamento non sia pari o superiore ai mille euro (nel nostro esempio sono quindi 600€ per rca).

Solo in questo caso, quindi, è possibile procedere, mentre per quanto riguarda dei premi rateizzati, il cui totale sia anche superiore ai famosi mille euro, è fondamentale che le singole rate stiano al di sotto della fantomatica cifra, oppure sarà necessario provvedere al pagamento con carta di credito o bonifico bancario.

Ovviamente non si escludono ulteriori restrizioni e limitazioni da parte delle compagnie, sempre in materia di anti riciclaggio, poiché ovviamente nei contratti è possibile indicare qualsiasi metodologia conveniente e sicura, che tuteli gli stessi assicuratori.

Per qualsiasi informazione comunque, è possibile rivolgersi alla propria compagnia per capire le modalità di funzionamento della procedura, al fine di non incappare in problemi del caso.

Vota


Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi