Mercato assicurativo: ancora incertezza e costi elevati

Mercato assicurativo ancora incertezza

E’ piuttosto contrastante il mercato assicurativo in Italia, e nonostante vi siano alcuni settori che hanno registrato dei cospicui aumenti, in termini di fatturato, ve ne sono altri che sono letteralmente crollati, forse a causa di costi elevati e di una crisi economica che sembra ormai interminabile.

E’ questo il riassunto dell’ultimo studio dell’Ania, da cui emergono dati particolarmente interessanti per il nostro paese. Nonostante in generale la richiesta di polizze sia stabilizzata su livelli standard, dopo i recenti cali degli ultimi tempi, a soffrire particolarmente è il settore “Vita”, che ha visto un calo particolarmente consistente di richieste di premi, nonostante alcune agevolazioni del caso.

La stabilizzazione dei vari titoli, anche di Stato, ha dato una boccata d’aria al mercato, che adesso è sensibilmente meno volatile, ma questo non ha assolutamente inciso sul listino prezzi, che tanto per cambiare, registra sempre piccoli lievi aumenti, che nel tempo incidono profondamente sul reddito e sulla spesa delle famiglie italiane.

Gli assicuratori e le compagnie sperano in una ripresa del settore “Vita” per il prossimo anno, ma è evidente che con listini così elevati, aggiungere ulteriori spese risulta pressocchè impossibile, a maggior ragione per coloro i quali non riescono ad arrivare a fine mese. Il settore RC Auto, quello più colpito dagli aumenti negli ultimi anni, ha visto il costo delle polizze praticamente triplicarsi, e praticamente spendere oltre un migliaio di euro, anche per motocicli, è ormai “normale”, nonostante qualche decennio fa, ciò era praticamente impensabile.

Non possiamo sapere cosa succederà, ma comunque gli aumenti hanno riguardato tutte le categorie e tutte le fasce d’età. Nonostante infatti ci si trovi anche fra le prime classi di merito, il costo delle polizze è comunque elevatissimo, e questo ha contribuito anche a generare l’incertezza profonda del mercato, ancora in crisi, di cui si parla da tempo.

Vota


Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi