Assicurazioni per professionisti, sarà obbligatoria?

Riforma Monti sulle Assicurazioni per professionisti

assicurazione professionisti obbligatoria I liberi professionisti in questo periodo devono prestare la massima attenzione: il Governo italiano, in questa fase di congiuntura economica è pronto a prendere dal cassetto la bozza di legge, rimasta ferma alla Camera da tre anni, che potrebbe rendere obbligatoria la sottoscrizione di polizze e assicurazioni per le responsabilità derivanti dall’esercizio della professione.

A tale obbligo dovrebbero essere sottoposti  tutti i cittadini italiani che svolgono un’attività professionale per proprio conto. Quali sono le categorie che sarebbero sottoposte all’obbligo assicurativo? Innanzitutto i medici, poi di seguito avvocati, commercialisti, architetti, etc.

Nella stragrande maggioranza dei paesi europei le polizze assicurative per chi svolge un’attività professionale autonoma sono obbligatorie. A pensarci la sottoscrizione di una polizza obbligatoria per i liberi professionisti potrebbe essere giusta pensando alle conseguenze cui è sottoposto l’utente ogni qualvolta un professionista, commette un grave errore.

Senza un’adeguata copertura assicurativa raramente l’utente viene indennizzato per il danno che gli è stato arrecato dall’incuria o dalla scarsa professionalità del libero professionista cui si è rivolto per un particolare lavoro. Dal canto loro gli ordini professionali negli ultimi anni hanno tentato di venire incontro all’utenza grazie alla stipulazione di convenzioni con i maggiori gruppi assicurativi italiani.

In linea generale però per questo tipo di polizze dovrebbe essere sempre prevista sia una franchigia sia un massimale. In nazioni come Germania e Francia la copertura assicurativa per i liberi professionisti include persino le spese legali.

Tutto fa pensare che l’obbligatorietà di un’assicurazione per i liberi professionisti scatterà presto, soprattutto per chi lavora nel comparto medico, del benessere e della salute. Il Governo Monti per ora sembra intenzionato a estendere tali obblighi assicurativi a tutti i liberi professionisti italiani, magari fissando precisi limiti nei costi, al fine di non gravare oltremodo sulle categorie più svantaggiate.

La situazione è quindi in perpetuo divenire ma alla Camera dei Deputati in questi giorni qualcosa è iniziato a muoversi. Che cosa bolle in pentola? Non ci resta che aspettare, di certo non sarà l’assicurazione per i liberi professionisti la “pietra dello scandalo” di questa manovra finanziaria che sembra annunciarsi come drastica e punitiva nei confronti degli italiani e delle loro finanze.

Vota


Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi