Abbattere i prezzi delle Rc Auto e Moto: il M5S ci prova con una proposta di legge

Società Assicurativa Pubblica, la proposta di M5S!

m5s proposta di legge assicurazione pubblicaCon una proposta di legge presentata in Senato, il Movimento 5 Stelle sta provando ad abbattere considerevolmente le tariffe delle Rc Auto e delle Rc Moto.

L’idea del movimento di Grillo è la seguente: mettere in piedi una compagnia di assicurazioni pubblica con prezzi popolari che obblighi le compagnie private, se vogliono rimanere sul mercato, ad adeguarsi alle nuove tariffe.

Nonostante infatti le recenti norme sulla concorrenza, il M5S accusa le varie società di assicurazioni di aver fatto cartello tramite un tacito accordo che prevede di non scendere sotto un certo tetto di tariffe, che restano quindi piuttosto elevate, le polizze italiane sono le più care d’Europa, anche nei casi di automobilisti particolarmente virtuosi.

D’altronde sarà capitato a molti di voi di restare con tariffe uguali o addirittura più alte, nonostante tanti anni passati senza provocare alcun incidente automobilistico.

A tal proposito il deputato Sergio Puglia del Movimento 5 Stelle, Membro della Commissione Parlamentare per il controllo sulle attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza ed assistenza sociale, ha così dichiarato:
“Ora è arrivato il momento di mettere ordine a questa giungla fatta di tariffe impazzite e di conflitti d’interessi tra le assicurazioni e gli enti che dovrebbero controllarle. La proposta di legge che il Movimento 5 Stelle ha depositato in Senato mette in campo una novità assoluta destinata a scardinare totalmente l’attuale cartello assicurativo, fatto non di un vero regime concorrenziale ma di assicurazioni che si accordano per mantenere le tariffe sempre più alte. Con la nostra proposta invece, vogliamo istituire una Società Assicurativa Pubblica, che applichi tariffe agevolate ai cittadini e premi gli automobilisti virtuosi”.

Se una norma del genere venisse approvata in Parlamento, l’intero mondo delle Rc Auto e Moto subirebbe un terremoto a grosso vantaggio dei consumatori, ma le nostre due Camere e chi le abita avranno il coraggio di scardinare un sistema così forte che va avanti da tanti anni?

Vota


Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi