Assicurazione sanitaria

Assicurazione sanitaria privata

assicurazione sanitariaIn Italia il cosiddetto welfare state mette a disposizione dei cittadini un servizio di assistenza sanitaria offerto dal Servizio Sanitario Nazionale.

Tuttavia molti cittadini italiani scelgono di attivare una polizza di assicurazione sanitaria privata (che come è ovvio che sia non viene pagata dall’assistenza sociale) mentre per i residenti non-UE che vogliono venire nel nostro paese questa è obbligatoria.

Quando si stipula una polizza assicurativa sanitaria di questo tipo ci sono alcune semplici linee guida da seguire.

Innanzitutto bisogna evitare a tutti i costi le compagnie che si riservano il diritto di recesso o la cosiddetta facoltà di recessione unilaterale, con queste opzioni infatti le compagnie possono recedere dal contratto in caso di grave malattia dell’assicurato oppure quando questo raggiunge una certa età.

E’ bene ricordarsi che in un caso del genere nessuna altra compagnia vorrà assicurarvi perché andrà in conto a dei rischi eccessivi. Un’altra cosa da evitare sono le polizze annuali, potreste avere infatti la brutta sorpresa di vedervi rifiutare il rinnovo, è perciò molto meglio stipulare polizze di lunga durata.

Da valutare anche il lato economico, una buona assicurazione sanitaria deve includere la copertura per la perdita dello stipendio quando non siete in grado di lavorare a causa di una malattia o di un infortunio.

Questa clausola è opzionale, e quindi va richiesta (laddove sia prevista dalla compagnia) dal cliente ed ha il suo costo, ma si rivela davvero utile al momento del bisogno.

Altra opzione da valutare è quella dell’assicurazione del nucleo familiare, le compagnie offrono forti sconti qualora il cliente decida di stipulare una assicurazione per tutta la famiglia, sconti che possono essere davvero molto convenienti.

Queste valutazioni sono quelle principali, ve ne sono infatti molte altre che vanno a toccare però la sfera privata degli utenti e dipendono dalle loro esigenze personali.

Ci sono poi altre valutazioni da fare in casi particolari, se ad esempio si decide per un cambio di compagnia vanno valutate tutte le opzioni una per una, per verificare che la copertura sia la stessa che si aveva con la precedente compagnia.

Tenete poi d’occhio le compagnie assicurative, ve ne sono di italiane e di straniere, e sopratutto su queste ultime bisogna valutare con attenzione che la loro offerta sia conforme alle leggi italiane e che non vi siano brutte sorprese in agguato.

Vota


Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi